Print this chapterPrint this chapter

M3.07. Svolgimento della valutazione del processo di mentoring

3. Uso di metodi qualitativi

3.2. Diversi tipi di metodi qualitativi di raccolta dei dati

Quando si raccolgono dati qualitativi, è possibile utilizzare diversi metodi, ciascuno con i propri vantaggi e svantaggi.

  • Colloqui (strutturati e semi-strutturati). Nei colloqui strutturati, le domande vengono formulate per iscritto esattamente come devono essere poste e l'intervistatore deve fare a ogni intervistato le domande nello stesso ordine. Nei colloqui semi-strutturati, vengono elencati gli argomenti e forniti esempi per tastare il terreno, e il colloquio si sviluppa più come discussione.
  • Gruppi di discussione
    I gruppi di discussione sono dibattiti strutturati finalizzati a comprendere le prospettive, le esperienze o le conoscenze delle persone su un argomento specifico. Un moderatore suggerisce gli argomenti e agevola la discussione. L'obiettivo è di scoprire il come e il perché di qualcosa, per ottenere risposte contestuali anziché risposte tipo "sì" o "no".
  • Osservazioni
    Le osservazioni sono mezzi strutturati per registrare le azioni e le interazioni dei partecipanti a una valutazione. Offrono l'opportunità di raccogliere dati su una serie di comportamenti, cogliere le interazioni ed esplorare apertamente l'argomento di interesse per la valutazione.
  • Esame dei documenti, delle registrazioni, dei video, ecc. prodotti
    Questo metodo è importante perché i materiali prodotti possono essere una fonte di dati per la valutazione.
    Tali materiali consentono di prendere conoscenza di importanti cambiamenti nello sviluppo o nella maturazione del programma. L'esame dei documenti può inoltre aiutare la formulazione di domande per un sondaggio o un colloquio.
  • Uso di metodi misti
    Nella valutazione, ci si è tendenzialmente spostati verso una combinazione dei metodi quantitativi e qualitativi in un unico tipo di valutazione chiamata valutazione a metodo misto. Questo approccio ha una sua logica perché ogni metodo ha i suoi punti di forza e di debolezza. Combinandoli, è possibile ottenere una valutazione più forte e completa rispetto a una valutazione convenzionale che ricorre a un solo metodo.

Riservatezza e anonimato
La riservatezza e l'anonimato sono considerazioni essenziali sia per voi che e per il valutatore. La privacy degli intervistati va tutelata attentamente. Ad esempio, i nomi dei partecipanti non devono mai essere rivelati in una relazione di valutazione. I termini "anonimato" e "riservatezza" significano cose diverse e non vanno usati in modo intercambiabile.

  • L'anonimato richiede che voi e il valutatore non sappiate chi sono i partecipanti. Ad esempio, non chiedete agli intervistati di indicare il proprio nome in un sondaggio o di identificarsi in un gruppo di discussione.
  • La riservatezza richiede che voi e il valutatore sappiate chi sono i partecipanti, ma non colleghiate le risposte agli intervistati. Qualsiasi informazione in vostro possesso con il nome della persona o altri dati personali va conservata in un cassetto sotto chiave o in un file elettronico protetto da password.